Awake

Da leggere ascoltando la canzone che dà il titolo alla Supernova (Awake, Josh Groban).

***

Otto aprile duemiladodici, Pasqua.

Scattata proprio oggi, e oggi non è strano che sia il giorno della luce.

C’è vento, vento forte, che spazza l’anima e accarezza la pelle.

La luce è bianca, le farfalle volano e gli alberi scuotono vorticosamente le chiome.

Laggiù, eccolo, ancora quasi spoglio, l’albero della vita nel giorno della luce.

Qui vicine, dritte davanti a me, bacche viola, foglie gialle e germogli. Risvegli.

Davanti a me, negli occhi e nel tempo, colori e occasioni, in primo e in secondo piano, e il moto elettrico e perfettamente ordinato della vita che si ripresenta, esigente, a dire: Rinasci! Svegliati!

Le nuvole, nel cielo, che vanno e vengono, come nella canzone di De Andrè.

I nodi, i grovigli, il miraggio, le curve a gomito, gli strattoni improvvisi, il climax ascendente e quello discendente che si alternano in sinusoide dentro la testa e nei colori di questa immagine.

E la benedetta speranza che finalmente abbiamo tirato fuori dal vaso di Pandora.

L’intensità violenta di un attimo, che ci son voluti otto scatti per catturarlo e non basterebbero mille parole per spiegarlo.

Una voce calda all’altro capo del telefono, così lontana e così vicina, che fa sospirare e rallentare il tempo e accelerare il battito.

Un amico, speciale, scoperto per caso nei passi della vita, svelti, sia i miei sia i suoi, anche se in modo così diverso.

Mio padre, prossimo, davvero.

Pasqua, sì.

E noi che possiamo davvero rinascere, in un panorama così.

****

L’immagine, nella sua immensa ed inspiegabile magia è sempre qui. Ma voi cliccateci sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *